Come recuperare il peso ideale dopo la gravidanza

E’ risaputo che perdere peso dopo la gravidanza richiede tempo. Ma di sicuro non è impossibile. Per poter recuperare il peso ideale è fondamentale mangiare cibi sani e nutrienti ed inoltre è molto importante svolgere della buona attività fisica.

Se siete come la stragrande maggioranza delle neo-mamme, probabilmente non vedete l’ora di abbandonare i vestiti della maternità. Ma per ritrovare il proprio peso forma e la linea ideale, è necessario praticare quotidianamente alcuni esercizi in grado di rinforzare tutta la muscolatura addominale.

Si tratta di esercizi abbastanza faticosi, ma posso assicurare che ne vale davvero la pena, basta effettuare tali allenamenti con regolarità e i risultati non saranno indifferenti.. E’ consigliabile cominciarli almeno tre settimane dopo il parto ed eseguirli quotidianamente.

Ma quanto tempo occorre per poter recuperare nuovamente il peso ideale?

Questa è la domanda che molte donne si pongono, ma naturalmente la risposta del fisico varia da soggetto a soggetto. Nella media si può affermare che occorreranno almeno 2 mesi.

Certamente, prima si incomincia e prima i risultati saranno ben visibili..

Ma oltre all’attività fisica, anche l’alimentazione gioca un ruolo cruciale nel recuperare il peso ideale. Infatti dopo la gestazione è ancora importante seguire una buona alimentazione, ma lo è ancora di più se state allattando. Quindi è consigliabile concentrarsi su frutta, verdura e cereali integrali. Questo perchè oltre a contenere sostanze nutritive importanti, contribuiscono a farvi sentire sazi.  Anche i latticini a basso contenuto di grassi, pollame, pesce, legumi sono tutti alimenti che non vanno per niente sottovalutati.

Inoltre è necessario ridurre le porzioni. Non saltate mai un pasto come la prima colazione, altrimenti  vi perderete delle sostanze nutritive molto importanti.

 

Il peso ideale per uno sportivo

Che cos’è il peso ideale per uno sportivo?

Sono in molti che si pongono questa domanda. Il peso ideale di uno sportivo non è altro che il peso forma individuale, ovvero quel peso caratterizzato prevalentemente  da massa muscolare e da una percentuale inferiore di grasso corporeo.

Naturalmente il peso ideale varia da individuo ad individuo, e non può essere dedotto attraverso formule matematiche o da semplici tabelle.

In pratica bisogna sapere con esattezza quanta massa magra, massa grassa e quanta acqua sono presenti nel corpo, perchè è stato dimostrato che tutte le componenti cambiano quando il soggetto è in attività.

Nell’analisi della composizione corporea sono molte le metodologie impiegate. Ad esempio, la Plicometria e l’Antropometria utilizzano alcuni strumenti semplici come: un metro per misurare le circonferenze, una bilancia, un calibro per misurare gli arti, un plicometro per misurare lo spessore del grasso sottocutaneo.

Grazie a questi strumenti i medici dello sport sono in grado di valutare le aree di muscolo e di grasso degli arti, le percentuali di massa grassa e magra, e tutta la muscolatura in generale. Inoltre sono in grado di determinare l’esatta percentuale di massa magra presente nell’organismo e la quantità di acqua.

Per la valutazione dello stato nutrizionale dell’individuo è consigliabile rivolgersi ad un medico specialista in medicina dello sport.

Detto questo, è importante ricordarsi di:

– pesarsi al mattino a digiuno

– se il peso diminuisce troppo velocemente vuol dire che si sta perdendo troppa acqua, e quindi bisogna stare molto attenti;

– la percentuale di grasso corporeo non deve essere troppo bassa. Se nella donna scende al di sotto del 17%, può andare incontro alla amenorrea

– se lo sforzo fisico è particolarmente intenso è consigliabile fare periodicamente degli opportuni controlli dei valori ematochimici.

Consigli per mettere su peso

Ci sono molte persone che non sanno cosa fare per eliminare qualche chilo di troppo, mentre vi sono persone che hanno difficoltà ad arrotondare le proprie forme e cercano disperatamente un metodo per mettere su peso

Ma come?

Ecco qualche consiglio per mettere su peso.

Innanzitutto per scoprire se si è troppo magri, il metodo migliore da prendere come punto di riferimento è l’indice di massa corporea.

Ma come si calcola questo indice di massa corporea? E’ molto semplice basta prendere il proprio peso e dividerlo in base alla propria altezza espressa in metri al quadrato.

Essere troppo magri nuoce alla salute e all’aspetto fisico. Ciò nonostante è possibile mettere su peso attraverso una dieta ingrassante. Naturalmente bisogna seguire un regime alimentare equilibrato e bilanciato e non riempirsi semplicemente di cibi troppo calorici.

Non è facile mettere su peso soprattutto se non si ha voglia di mangiare, ma è fondamentale sforzarsi per stimolare l’appetito, con alcuni piccoli accorgimenti:

– innanzitutto bisogna assumere più calorie di quanto il corpo possa richiederne, senza però trascurare la varietà alimentare;

– è opportuno scegliere alimenti ad alta densità energetica: cereali, legumi, farinacei, cioccolato, frutta secca, pesce grasso. Mentre sono da evitare il burro, la margarina, la panna da cucina, insomma tutti quegli alimenti che contengono materie grasse artificiali;

– prediligere frutta e verdura fresca, carni magre, pesce e latte scremato;

– aumentare le calorie dei pasti: ad esempio accompagnare il caffè con qualche pezzo di cioccolata fondente, oppure addolcire lo yogurt con un cucchiaino di miele.

Da non dimenticare l’attività sportiva. Ma al riguardo è molto importante intraprendere sport che aumentano il volume muscolare come il tennis, il judo, gli attrezzi, lo step e via dicendo..Mentre sono da evitare gli sport di resistenza (nuoto, jogging, corsa, ecc..).

Il peso ideale durante l’adolescenza

Per molti ragazzi il periodo adolescenziale rappresenta una fase delicata , forse uno dei momenti più importanti di costruzione dell’identità. Infatti molto spesso cercano di seguire un modo di vivere che è alla moda imitando i loro idoli.

Sicuramente è normale che i ragazzi siano in perfetta forma fisica, ma è altrettanto importante a tale riguardo stare molto attenti a non strafare.

Durante l’adolescenza, il corpo ha bisogno di molte risorse energetiche, che verranno successivamente bruciate dalle attività quotidiane: sport, studio e quant’altro, richiedono tuttavia dei buoni apporti calorici da introdurre con l’alimentazione.

Ma a tale riguardo è necessario non eccedere con l’alimentazione. Questo vuol dire che i cibi assunti non devono essere troppo ricchi di zuccheri o di grassi, perchè le probabilità di andare incontro a delle patologie sono molto alte.

Ma allora qual è il peso ideale durante l’adolescenza?

Durante l’adolescenza, non esiste un calcolo del peso ideale, ma è possibile verificare lo stato di salute del proprio figlio/a attraverso delle curve della crescita. Attraverso le tabelle percentili è possibile individuare l’andamento del peso e dell’altezza.

Alla base di una buona crescita sta sicuramente una buona alimentazione caratterizzata dall’assunzione quotidiana di alimenti sani e naturali. Infatti la dieta prevede il 40% dei carboidrati, seguiti dal 30% di grassi buoni, e dal 30% di proteine.

Ma per mantenere un buon peso bisogna limitare l’apporto di sale e di condimenti troppo pesanti. E’ consigliabile diminuire il numero degli spuntini, così come il consumo di fritture, dolciumi ed insaccati.

Infine, è fondamentale inserire fra le abitudini quotidiane anche lo sport

Dimagrire in modo naturale mantenendo il giusto peso corporeo

Secondo le ultime statistiche è stato stimato che la causa più frequente del sovrappeso è dovuta ad un cattivo regime alimentare caratterizzato da un eccessivo apporto di zuccheri e di grassi. Ma in realtà esistono anche altri motivi che possono tuttavia, favorire l’aumento del proprio peso corporeo:

 – carente attività fisica: purtroppo ancora oggi sono moltissime le persone che per pigrizia o per qualsiasi altra ragione non intraprendono nessuna attività fisica.

Non è soltanto l’ozio che fa aumentare il peso corporeo, ma anche alcuni lavori che costringono tutto il giorno a restare bloccati su una sedia.

E’ proprio in questi casi che la tensione nervosa tende a liberare nell’organismo le riserve di zuccheri. In assenza di movimento, tali zuccheri si trasformano in grassi che successivamente vengono accumulati nel tessuto adiposo;

 – eccessivo stimolo della fame: proprio in conseguenza  del metabolismo rallentato, c’è un cattivo utilizzo delle riserve energetiche;

 – disfunzioni metaboliche: oltre ad ammassare eccessive riserve di grasso, un metabolismo rallentato produce un accumulo di tossine che rendono a loro volta inefficaci i processi energetici.

 In natura esistono diversi rimedi naturali utili per dimagrire. Fra questi troviamo le erbe, che sono essenzialmente due: quella delle droghe stimolanti e quella delle droghe diuretiche.

 Nonostante i diuretici possano indurre a perdere peso corporeo, non sono considerati dei veri e propri rimedi di dimagrimento. Ma nonostante questo, l’impiego di tali erbe può essere di aiuto per eliminare le scorie metaboliche presenti nell’organismo.

 Le erbe stimolanti invece, sono caratterizzati dal caffè, dal cacao, dal té verde, dal té nero ecc.

Grazie alle loro proprietà benefiche è possibile ottenere dei buoni risultati. Ma è fondamentale non eccedere altrimenti si rischia di ottenere l’effetto contrario.

Menopausa: consigli su come mantenere il peso ideale

Nonostante la menopausa sia guardata con grande preoccupazione dal moltissime donne, in realtà non è poi così tragica come potrebbe sembrare. E’ vero che alla menopausa sono correlati vari sintomi a volte fastidiosi, ma eppur vero che esistono in natura vari rimedi in grado di combatterla con serenità.

Con il termine menopausa si indica quel momento della vita di ciascuna donna, durante il quale non c’è più la comparsa delle mestruazioni. Generalmente questo stato compare intorno ai 50 anni di età. Ma tuttavia tale periodo varia da donna a donna.

La menopausa può essere accompagnata da vari sintomi, quali: vampate di calore, secchezza vaginale, depressione, sbalzi di umore, aumento di peso e via dicendo..

Secondo delle recenti indagini, è stato stimato che la maggior parte delle donne che entrano in menopausa si ritrovano ad affrontare il problema del peso. Perdere o aumentare il peso può essere del tutto normale dal momento che il metabolismo cambia completamente il proprio ritmo.

Perdere peso in questo periodo è un po’ difficile, ma non vuol dire che sia impossibile.

Infatti, se si cerca di seguire una dieta sana, associata a della buona attività fisica, perdere qualche chilo di troppo e successivamente mantenere il peso ideale può diventare un’impresa non difficile.

Basta mettere un pizzico di buona volontà e di costanza, e il gioco è fatto!

Quindi, se si vuole perdere peso è molto importante cambiare le proprie abitudini alimentari. Tuttavia  è necessario integrare nel proprio regime alimentare cibi prettamente sani e naturali, mentre sono da evitare tutti quegli alimenti che fanno male alla salute, come fritture, insaccati, fast food, cibi precotti e quant’altro.

Concludendo, non è poi tanto difficile ritrovare il proprio peso ideale, basta seguire questi piccoli accorgimenti e i risultati si potranno intravedere fin da subito..

Qual è il peso ideale in gravidanza?

E’ noto a tutti che nella vita di ogni donna la gravidanza comporta un aumento di peso. Ma mettere su qualche chilo di troppo è normale durante la gestazione, in quanto permette al futuro nascituro di crescere.

Al contrario, una donna che mette su soltanto qualche chilo ha molte probabilità di far nascere un bambino sottopeso.

Ma ingrassare troppo durante la gestazione può apportare delle conseguenze sia alla futura mamma che al pargoletto. Infatti un eccessivo aumento di peso diventa difficile da perdere dopo il parto, ed inoltre la quantità di cibo influisce particolarmente sia sul peso che sulla salute del bambino.

Allora qual è il peso ideale in gravidanza?

Secondo delle recenti ricerche è stato riscontrato che il peso giusto per un bimbo sano dipende da quello della futura madre prima della gravidanza. Generalmente l’aumento di peso durante la dolce attesa può variare da donna a donna, ma mediamente si aggira attorno ai 10-12 chili.

Ma l’incremento del peso è determinato non solo dal peso del feto, ma anche dal liquido amniotico presente, dall’utero, dalla placenta, ma anche dalla deposizione dei grassi nei tessuti e dalla ritenzione di liquidi.

Ma non sempre l’aumento è graduale,  in quanto può essere accentuato in alcuni periodi rispetto ad altri. In pratica, le donne nei primi tre mesi di gestazione a causa della nausea e del vomito il peso tende a rimanere stabile oppure a diminuire. Ma quando la nausea scompare si possono accumulare anche 3 chili in un solo mese.

Molti esperti affermano che il peso ideale di ogni donna non deve superare i 12 chili a termine della gravidanza. Questo perchè un incremento di peso può apportare a delle complicanze: gestosi, parto pretermine, diabete.

Calcolo dell’indice di massa corporea, bmi

L’indice di massa corporea è il metodo più diffuso per individuare l’equilibrio del rapporto tra peso e altezza di un individuo, o l’eventuale obesità di una persona. Secondo una scala prestabilita è possibile desumere un certo numero di conclusioni sul proprio peso forma.

L’indice di massa corporea viene calcolato dividendo il peso per il quadrato dell’altezza.

Se l‘indice di massa corporea aumenta, questo vuol dire che cresce anche il rischio di malattie cardiovascolari, ictus, diabete e quant’altro.

Viene comunemente utilizzato dai dietologi,nutrizionisti, o da vari professionisti della salute per determinare situazioni di sovrappeso, sottopeso, e obesità negli adulti.

Può essere utilizzato a partire dai 18 anni di età, mentre non è consigliato ai minori. Non può essere applicato a tutti dato che non prende in considerazione ne la massa ossea e ne la massa muscolare.

Infatti, nel caso di persone con massa muscolare particolarmente sviluppata ed accentuata, poiché i muscoli hanno tuttavia, un peso superiore rispetto al grasso presente, è stato appurato che l’indice di massa corporea non si rivela in questo caso preciso. Analogamente tale strumento non può essere considerato valido neanche per le donne in gravidanza o in allattamento, o per gli individui molto gracili.

Naturalmente il calcolo dell’indicatore di massa corporea è soltanto un indice che rileva lo stato di salute generale dell’individuo.

Ma per avere dei risultati più precisi è consigliabile in questo caso eseguire alcuni esami complementari come ad esempio, la misurazione dello spessore delle pieghe della pelle, utilizzando uno strumento particolarmente utile come il calibro, oppure l’antropometria che dissocia la massa magra da quella grassa.

Peso ideale: alimentazione equilibrata e attività fisica

Secondo una recente indagine è stato dimostrato che la stragrande maggioranza delle persone desidera raggiungere il peso ideale per motivi essenzialmente estetici.

Ma è importante sottolineare che mantenere il peso ideale è molto importante non solo per ragioni prettamente estetiche, ma soprattutto per prevenire varie patologie dell’apparato cardiocircolatorio o  malattie come l’ipertensione, il diabete, l’ictus e cc..

 

Molti esperti affermano che per poter mantenere il peso ideale occorre seguire prima di tutto un’alimentazione sana ed equilibrata che sia in grado di apportare all’organismo tutti i principi nutritivi di cui necessita.

Quindi coloro che amano i cibi spazzatura devono modificare il proprio stile di vita se vogliono raggiungere dei buoni traguardi.

 

Per seguire un’alimentazione bilanciata è fondamentale consumare regolarmente verdura di stagione e frutta fresca. Inoltre è necessario limitare il consumo di carne rossa mentre è da prediligere quella bianca. Mangiare tre volte alla settimana il pesce, soprattutto quello azzurro poiché ricco di acidi grassi omega3.

Anche l’acqua non va trascurata. A tale riguardo è consigliabile bere almeno 12 bicchieri di acqua al giorno, possibilmente liscia e non frizzante perchè quest’ultima fa gonfiare la pancia.

 

Un buon alleato per stimolare la diuresi è il tè verde, ma vanno bene anche le tisane depurative. E’ consigliabile ridurre il consumo di sale e dei condimenti troppo grassi. Vanno mangiati invece con moderazione insaccati, formaggi, e dolciumi.

 

Praticare attività fisica ha anche la sua importanza, perchè aiuta a bruciare le calorie assunte con gli alimenti. E’ possibile praticare un buon allenamento anche all’aria aperta senza doversi per forza recare in palestra.